Image

— Pharma Hydro System TM

Il Pharma Hydro System è un concetto intorno al quale si sviluppano le soluzioni tecniche dedicate al lavaggio di contenitori e/o attrezzature utilizzate per la produzione chimico/farmaceutiche.

 

 

 

hydro1Le macchine che eseguono queste operazioni possono avere un livello di complessità crescente in base alle caratteristiche e ai requisiti richiesti dalla specifica applicazione.
La lunga esperienza nel campo, fa di Pharma Handling System il team giusto per poter fare la scelta più proporzionata a raggiungere lo scopo e col livello di personalizzazione adatto affinché alla fine la macchina calzi come un guanto.

La storia che ci caratterizza, non è però un limite all’innovazione tecnologia che invece rimane uno dei punti di forza della Pharma Handling System in termini di affidabilità, ripetibilità delle performance e tutto quanto è relativo all’automazione del processo.

I sistemi Hydro sono equipaggiati di tecnologia Siemens, come standard, ma possono essere gestiti anche da elettronica Rockwell.

Si può avere un semplice display touchscreen dove impostare i parametri di lavaggio, ma anche un pannello PC dove impostare ricette, gestire a “Data integrity”, interconnettere la macchina con sistemi di gestione e supervisione superiori, archiviare dati internamente o archiviarli in percorsi di rete predefiniti.

Il ventaglio di possibilità è tanto ampio quanto vasto è il campo di applicazioni nel settore chimico-farmaceutico.

Gruppo pompaggio Hydro System

Il gruppo di pompaggio Hydro è pensato per lavorare stand alone o in coppia con una stazione di lavaggio semi-automatica o un box completamente automatico.

Tutte le versioni sono caratterizzate da:

  • un circuito di tubazioni in AISI 316L saldati a TIG con cordini asportati e lucidati interno/esterno;
  • pompa con corpo in AISI 316;
  • sistema di drenaggio completo delle tubazioni interne;
  • unico punto di raccolta utilities ingressi/uscite.

 

Per quanto riguarda il processo di lavaggio, tutti i gruppi possono:

  • gestire almeno due tipi di acqua in ingresso,
  • gestire più linee di acqua in uscita,
  • lavare in alta pressione (70-100 bar) o bassa pressione (6 bar),
  • contenere fino a 3 gruppi di dosaggio detergente,
  • scambiatore di calore per riscaldamento acqua a vapore,
  • avere un controllo di portata alla mandata della pompa,
  • gestire un controllo di conducibilità e di ph dell’acqua di scarico,
  • gestire un serbatoio di accumulo per il riscaldamento dell’acqua di lavaggio off-line,
  • gestire un gruppo di ricircolo di acqua di lavaggio per ridurre i consumi acqua ed eventualmente detergente.

Stazioni di lavaggio semi-automatiche stand-alone

Le stazioni di lavaggio stand-alone sono isole installate in aree dedicate al lavaggio dei contenitori bin.

Il processo di lavaggio è operato in modalità manuale o semiautomatico.

Il contenitore si posiziona su una struttura in tubolare che può essere equipaggiato con:

  • Installazione fissa o mobile;
  • Supporto verticale telescopico per testina idrocinetica di lavaggio interno bin con paraschizzi;
  • Lancia di lavaggio manuale per superfici esterne bin, pallet o fusti;
  • Gruppo di ricircolo acqua di lavaggio interno bin;
  • Controllo di conducibilità, pH, valvola preleva campioni;
  • Connessioni al gruppo di pompaggio di tipo clamp;
  • Predisposizione attacco per asciugatura interno bin da UTA.

L’installazione semplice e poco impattante è indicata per contenitori che trattano polveri facilmente solubili soprattutto in campo nutraceutico. 

Box di lavaggio bin e componenti

Il box del sistema di lavaggio Hydro, è una cabina all’interno della quale si posizionano gli elementi da lavare.

La geometria del box base è abbastanza comune per accogliere diversi tipi di bin esistenti e non necessariamente prodotti da Pharma Handling System.

La pianta è 2100 mm x 2100 mm circa per la versione singolo box con gruppo di pompaggio e asciugatura separati.

L’altezza del box è legata all’altezza dei bin da lavare e al riguardo, Pharma Handling System non impone vincoli specifici, ma si valuta il compromesso migliore tra funzionalità, semplicità di utilizzo, vincoli di layout.

La geometria della camera di lavaggio è di tipo cilindrico ed è quella che meglio si adatta alla rotazione dei contenitori durante le fasi di lavaggio e asciugatura in modo da massimizzare efficienze e ridurre i tempi di lavorazione.

Anche in questo caso il box ha una struttura in Aisi 316 così come tutti gli elementi a contatto col liquido di lavaggio, le tubazioni di alimentazione delle rampe laterali sono inox Aisi 316 completamente drenabili.

Seguendo il concetto di modularità il box può essere equipaggiato con diverse varianti tra cui le più comuni:

- porta singola o porta doppia con guarnizione gonfiabile;

- piattaforma inferiore fissa o piattaforma rotante;

- installazione sopra-pavimento o parzialmente interrata in modo da essere caricata con transpallet;

- finitura 2B o lucida a specchio su tutte le superfici;

- automazione apertura porte;

- automazione caricamento e scaricamento bin;

- lavaggio e asciugatura in box singolo o doppio box;

- oblò sulle porte di ingresso/uscita;

- prese ad aggancio rapido per lavaggio componenti e accessori su rack;

- predisposizione per controlli di conducibilità, pH, preleva-campioni,…

- predisposizione per integrazione gruppo di pompaggio a bordo del box;

- predisposizione per pannellatura esterna in AISI 304 satinato verticalmente.

Una testina idrocinetica viene fatta scendere all’interno del bin grazie all’azione di un cilindro pneumatico telescopico garantendo ingombri ridotti e massima copertura della superficie interna del contenitore.

Le superfici esterne sono lavate da una coppia di rampe laterali fisse sul corpo del box. Gli ugelli montati sulle rampe sono di tipo orientabile e sono scelti in fase di progettazione come compromesso tra pressione e portata disponibile dell’acqua di lavaggio.

In questa configurazione il livello di efficienza del lavaggio è superiore rispetto ad avere il contenitore fermo e più rampe che lavano in contemporanea riducendo la possibilità di zone d’ombra dove il getto d’acqua potrebbe non arrivare in maniera adeguata.

Sulla piattaforma rotante, sono applicati due ugelli per il lavaggio della valvola inferiore dei bin.

Quest’ultima può essere aperta dall’operatore prima di partire col ciclo di lavaggio oppure in automatico (da valutare in base alla geometria della valvola).

A fine risciacquo, viene eseguita una fase di soffiaggio delle superfici del bin e un drenaggio delle linee con aria compressa purificata in modo da evitare possibili ristagni d’acqua sulle superfici piane dei contenitori.

Automazione

Il mondo dell’automazione dei sistemi automatici e in particolare del Pharma Hydro System, è basato su uno standard Siemens per quanto riguarda il PLC mentre ci sono diverse opzioni per quanto riguarda il pannello operatore.

Molto dipende da come viene configurata la macchina a livello Hardware e da quale livello di controllo e reportistica è necessario per l’applicazione specifica.

Tutte le soluzioni Software sono redatte seguendo le linee guida GAMP5 e sono strutturati a moduli per essere facilmente validati in fase di avviamento.

L’interfaccia operatore po' essere molto essenziale per gruppi di pompaggio stand-alone, con possibilità di impostare parametri su un’interfaccia HMI touch screen per macchine semi-automatiche, fino a pannelli PC per la gestione di ricette di lavaggio, dominio di accesso multilivello, gestione CFR21 part 11 e più in generale conformità alle linee guida per la gestione della “Data integrity”.

I sistemi più evoluti, vengono sviluppati su piattaforma SCADA iFix di GE.

Tramite questa piattaforma si possono sviluppare tutte le pagine grafiche per la gestione dei parametri macchina, le ricette di lavaggio, la visualizzazione e riconoscimento di allarmi ed eventi, reportisctica.

Il sistema ha integrato na funzione Historian che permette l’archiviazione sicura dei raw data che possono essere ripristinati e/o consultati alla necessità.

Sono presenti inoltre tutte le possibilità date dalla connettività di un PC e quindi scambio dati con sistemi superiori, gestione dominio utenti locale o centralizzato, etc…

— Vuoi saperne di più?